Lettera aperta a tutti gli iscritti al Movimento Studenti Cattolici-Fidae

Carissimi,
L’anno sociale terminato è per tutti noi studenti, che condividiamo un principio associativo che facciamo comunità e movimento e che ne descriviamo il senso tramite il nostro semplice ma chiarissimo nome, un anno particolare. Molteplici sono le ricorrenze per noi tutti importanti, il Movimento compie trent’anni da quando nel 1979 fratel Giuseppe Lazzaro iniziò l’impegno e la scommessa su giovani studenti, un arco di tempo importante che assieme alla collaborazione della FIDAE ha certamente aiutato tutta la nostra associazione a crescere, con un tempo adeguato e con una presenza reale e operativa sul territorio Nazionale. Come sempre e per tradizione scegliamo, a volte anche con coraggio, la via della necessaria sobrietà e del silenzio nelle diverse attività, e sono davvero tante, che i nostri comitati svolgono sul territorio di appartenenza. Un silenzio che non è segno di debolezza, ma grande gesto di appartenenza ad un progetto formativo, quello della Chiesa, che ognuno indistintamente associandosi dichiara di sottoscrivere, un incontro tra una
libertà quella dello studente che è prima dimostrazione di una fiducia, quella di esserci, ma al contempo di affidarsi con responsabilità ad un educazione che è peculiare secondo i diversi carismi educanti ad una Chiesa che è Madre.
Esserci per noi significa garantire che nel processo educativo che ci vede crescere e formarci, non ci sia un percorso unidirezionale che va dall’educatore allo studente, ma possa esistere ed in maniera sempre nuova un percorso di scambio che tenga conto di un dato esperienziale, di contenuti importanti e di una storia che si rinnova costantemente quando si fa riferimento ad una dottrina viva come quella Cristiano Cattolica.
Ecco quindi che per avere consistenza, questo principio di scambio, anche la scuola come l’università debbono essere vissute con il corretto protagonismo, che non è quello che vede un soggetto al di sopra delle parti perché giovane o perché titolato o perché anziano, per noi è nella comunità educante che si sviluppa pienamente una integrazione tra i vari livelli del sapere umano.
Per permettere ciò siamo chiamati ad un grande sforzo che non è solo quello di garantire una presenza.
Certamente siamo invitati ad un di più che è composto anche da una fondamentale preparazione, da un principio di condivisione che si fa solidarietà quando tra coetanei si sostengono idee e progetti atti alla realizzazione di qualcosa di importante per tutti i giovani; e per realizzare ciò necessitiamo anche di fissare tra di noi un senso di responsabilità sia nell’impegno associativo che nelle nostre libere azioni. Pertanto le nostre molteplici attività, se condotte con questo spirito, e rivolte mai verso gli stessi propositori ma verso l’alto, diventano vere attività, che hanno un senso chiaro e che non appartengono alla moda del “fare per fare”.
Siamo un associazione composta interamente da studenti, e conosciamo bene le nostre difficoltà, tra le quali, per prima, quella di non capire a volte quanta responsabilità ci è data anche nelle più piccole cose che facciamo.
A Sydney durante la GMG abbiamo accolto il messaggio del Santo Padre che ci invitava a preparare il domani per i nostri amici e fratelli più giovani, e ci esortava a farlo anche se noi siamo tutt’ora giovani, senza indugio e senza attese.È di questo tipo di impegno che oggi il movimento necessita sempre di più, un impegno che parte dal singolo e che si fa movimento di idee e forze condivise e per questo belle e vere, senza dimenticarsi però che nel nostro impegno è presente sempre di più quello sguardo che esprime la più sincera vocazione di una associazione studentesca come la nostra.
Fare rete tra di noi, alimentare quelle idee e quelle ispirazioni che con spirito comunitario si realizzano, anche quando ciò che ci è attorno pensa che non è possibile realizzarle. Cari amici avete dimostrato in questo anno sociale, nel quale molte persone teorizzavano fallimenti infondati, con il vostro lavoro e la vostra dedizione, per primi ai vostri coetanei, che c’è un luogo ed uno
spazio dove crescere e che le forze e la gioia di esprimerle nascono da un entusiasmo, quello giovanile che incontra la solidità di un grande programma, quello di sempre, quello del Vangelo e della dottrina sociale della Chiesa. Invito tutti a pensare a ciò che saremo domani, e iniziare a farlo assieme fidandosi. “Chi sei?” Un tema importante al quale abbiamo dedicato una settimana di riflessione:“Chi vuoi essere tu domani?” È necessario partire però dal “Come scegli?”. Oggi, dei tanti problemi che discutiamo costantemente, la
gran parte provengono da una mancanza di coraggio nello scegliere, un coraggio sul quale ci siamo interrogati con tutta l’assemblea riunita durante il XV convegno nazionale e dal quale siamo ripartiti per essere studenti che pensano a ciò che fanno. Grazie alla figura scelta per il biennio culturale che va terminando, abbiamo cercato anche di trovare un buon riferimento sul quale incardinare un principio di valutazione. È da Don Luigi Sturzo che siamo partiti per capire assieme come sia possibile un impegno sociale che si connota con una umiltà ed una tenacia che parte dall’essere liberi perché privi di sponsor che chiedono il conto, e forti perché ci
sappiamo fidare ed affidare, passando dalle idee ai fatti. Iniziamo ora un nuovo anno sociale, dove il nostro essere Movimento Studenti Cattolici ed ancor prima il nostro essere studenti, prevede un coraggio ancor più grande, partendo da un nuovo punto di riferimento che assieme a Sturzo si aggiunge al nostro piccolo ma fondamentale portfolio: Romano Guardini.
Presentiamoci e fissiamo in noi un senso di responsabilità che ha come prima caratteristica il coraggio per formulare una proposta chiara di impegno a tutti coloro che incontriamo nel nostro cammino.

Forza e…Sempre in Movimento!

Martino Merigo
Coordinatore Nazionale
Movimento Studenti Cattolici

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...