Mario Morcone

Image

“Quando sono arrivato in Kosovo, durante la guerra, ho trovato una realtà molto più complessa rispetto alle mie aspettative. C’erano interessi internazionali in gioco molto più grandi, che prevalevano sulle necessità umanitarie” così racconta, nel primo incontro della mattinata, il prefetto Mario Morcone della sua esperienza come amministratore nel territorio balcanico. Attraverso quel ruolo è riuscito a conoscere e risolvere realmente i bisogni della gente, come riportare in ogni abitazione l’elettricità e l’acqua potabile. Tra tanti successi, c’è stata anche qualche sconfitta: i medici di un ospedale serbo che si sono rifiutati di curare anche i cittadini di etnia albanese-kosovara. Ma come è vista la presenza italiana in emergenze umanitarie? “Gli italiani sono considerati amici, per la loro capacità di non trarre vantaggio dalle situazioni e perché promuovono politiche non invasive”.

Parlando di immigrazione l’aspetto che sconvolge di più è l’assoluta ignoranza delle istituzioni e anche della società al riguardo. Non c’è una soluzione al problema si tratta di gestire bene un fenomeno che ci sarà sempre. Noi come società, non possiamo continuare ad essere ipocriti di fronte a situazioni di sfruttamento e traffico di esseri umani. Dall’altro lato la politica, dovrebbe prendersi delle responsabilità affinché venga istituita una procedura di ingresso regolare. Infine “se è vero che l’Europa ha bisogno di politiche comuni è anche vero che noi dobbiamo fare la nostra parte, infatti non è un problema accogliere 30.000 persone con 8000 comuni sul territorio nazionale”. Tanto più che l’immigrazione produce, in Italia, un miliardo e mezzo di attivo.

“Ci vuole più concretezza e meno ideologia.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...